Dall'odio e dalla droga alla vita!

Sono nato nel 1966 a Besançon e sono cresciuta a Orléans. I miei genitori ci hanno dato una buona educazione. Ma a casa era spesso una guerra perché mio padre aveva seri problemi con l'alcol.

A 10 anni la mia vita è stata stravolta!
A 10 anni stavo giocando con i miei amici in un quartiere residenziale quando alcuni adolescenti hanno iniziato a spararmi addosso. Mi hanno sparato all'occhio destro con un fucile ad aria compressa. Tornando a casa, nell'ascensore mi sono accorto che il mio occhio era rovinato. Mio padre mi ha subito portato all’ospedale. Dopo una degenza di oltre un mese, ho dovuto accettare la perdita dell'occhio destro, che per me ha fatto la differenza. A scuola ero lo zimbello di alcuni alunni. Questo mi ha spinto a chiudermi in me stesso. E l'odio cominciò a corrodere il mio cuore di fanciullo.

A 17 anni, un'altra svolta nella mia vita!
All'età di 17 anni, ancora afflitto da questo malessere, iniziai a fumare cannabis. Fumavo molto ed ero sotto l'effetto della cannabis tutto il giorno. Alcol, droghe e sigarette erano la mia quotidianità. Per potermi permettere il fumo, ho iniziato a spacciare. Per me la cannabis era una via di fuga. Poi sono entrato negli ambienti skinhead, dove si pratica la violenza gratuita. Per me era un modo di esprimere il mio odio.
Ho comprato una pistola per uccidere l'uomo che mi aveva sparato. Ma non l'ho mai trovato.

La mia partenza per l'Isola della Riunione
Dopo aver conosciuto mia moglie ed esserci sposati, ci siamo trasferiti sull'Isola della Riunione. Per due anni abbiamo seguito la religione indù, compresi i sacrifici di animali. Ma non è servito a nulla. Ero ancora schiavo di droghe, alcol e sigarette, e l'odio era ancora presente. Un giorno, su invito di un membro della famiglia di mia moglie, andammo a sentire predicare il Vangelo.

È stata la mia prima preghiera a Dio!
Mi trovai in mezzo a 500 persone che pregavano con fervore. Per la prima volta parlai a Dio. Questa era la mia preghiera: "Dio, se esisti, devi riuscire dove io ho fallito, liberami da tutto ciò che ha trionfato su di me". E Dio ha ascoltato la mia preghiera. Dopo due settimane, niente più alcol, niente più cannabis, niente più sigarette! Non nutrivo più odio e sono riuscito a perdonare colui che aveva rovinato la mia vita. Tutta la ribellione del mio cuore aveva lasciato il posto all'amore di Dio! Da quel giorno, cammino con Colui che ha cambiato la mia vita! E nel gennaio 2000, sono diventato membro del team pastorale delle Assemblee di Dio sull'Isola della Riunione. Dio ascolta la preghiera degli sventurati!•

  • Fonte: © Mystory.me
  • Autore: Pascal Cariou
  • Traduzione: Antonio Bosco
  • Upload: Stefano Marano